Un presepe diverso



Un presepe diverso, involontario ma tanto suggestivo quello di piazza Satta a Nuoro. Qui negli anni sessanta lo scultore Costantino Nivola ha concepito un luogo che ha qualcosa di ancestrale, pietra che ospita pietra in un contesto di pietra. Le teche scelte per le sue statuine in bronzo sono rocce del Monte Ortobene, il monte di Nuoro, collocate lì così com’erano, grezze e contorte come la natura sarda. E come la vita.

Poi arriva una notte di luna piena proprio a Natale e il mio amico Michele coglie in uno scatto un momento magico, surreale e mi regala questa perla che subito mi fa pensare a un presepe. A San Giuseppe che protegge le sue piccole statue con l’aria piegata e attenta di chi conosce il mondo e sa che non sempre ha una faccia umana. Questo presepe diverso, meraviglioso e struggente, mi fa pensare ai padri che scappano dalla fame e dalla guerra, ai padri che cercano di salvare i propri figli sapendo a cosa vanno incontro, ai padri che non mollano mai. A loro va il mio pensiero di questo Natale.

Ringrazio Michele Concas per il magnifico regalo.

Piazza Satta Nuoro

1 Comment

Leave A Reply

Navigate